www.robertoaccardi.com

COME INNESCARE UN CEFALO O UNA ANGUILLA

Innescare cefalo pesca surfcasting fishing

Dopo l’articolo dedicato alla giusta conservazione del cefalo in vivo, dopo una rassegna sulle montature a uno o due ami, non poteva mancare un articolo su come innescare un cefalo o una anguilla.

Premetto che a supporto di questo servizio ci saranno solo dei disegni, in quanto non me la sento di fare un video tutorial a supporto “solo per far vedere come innescare un cefalo o una anguilla”. Certe operazioni preferisco farle solo quando sono necessarie e funzionali ad una azione di pesca.

roberto accardi blog surfcasting
Un triste mio tentativo di disegnare un cefalo 😀

Prima di affrontare gli inneschi specifici per il cefalo e per l’anguilla è bene ricordare alcuni accorgimenti che valgono per tutti i tipi di innesco del vivo:

I guanti di cotone, ad esempio, oltre che preservare l’integrità dell’esca, consentono un’ottima presa, e soprattutto con le anguille potrete intuire quanto questo fatto sia importante.

Un innesco corretto che non danneggia le parti vitali consente alla nostra esca una maggiore mobilità, una maggiore durata, e conseguentemente anche un maggior richiamo per il predatore.

roberto accardi blog surfcasting
Questa dovrebbe essere una anguilla 😀

Queste attenzioni, unite a quelle suggerite nell’articolo su come conservare il cefalo in vivo, ci consentono di avere un’esca al top con un potere catturante esagerato!

Ora vi illustro gli inneschi che solitamente utilizzo, poi però dovrò soffermarmi su alcune attenzioni e su alcuni errori che in generale si commettono soprattutto durante la fase di lancio dell’innesco.

L’INNESCO DEL CEFALO

Premetto che illustrerò gli inneschi che conosco e che uso maggiormente, il che non vuol dire che esistono solo queste soluzioni eh!!! Anzi, proprio in questo campo posso garantirvi che c’è sempre da imparare, soprattutto da quei pescatori esperti in questo tipo di strategia di pesca, e io sono sempre a caccia di nuove soluzioni alternative.

L’unica cosa certa è che l’innesco deve essere fatto nel rispetto della salute dell’esca, perché se no questa muore dopo pochi minuti e il suo potere catturante diventa vicino allo zero.

A riguardo posso illustrarvi due soluzioni, una veloce e pratica, e una meno veloce ma molto più redditizia.

INNESCO VELOCE

L’ho chiamato così perché effettivamente è molto veloce da eseguire, e come potrete ben immaginare meno tempo si impiega ad eseguire l’innesco, meno tempo la nostra esca sta fuori dal suo elemento naturale. In pratica l’innesco si esegue con la montatura già pronta e già corredata di bracciolo e di amo legato.

roberto accardi blog surfcasting
Prima mossa

Prendiamo l’amo e lo facciamo passare a pochi centimetri dalla coda, da un lato all’altro del pesce, stando attenti a stare in quella via di mezzo tra il dorso e la spina centrale: danneggiare l’una o l’altra parte inciderebbe parecchio sulla vitalità dell’esca. A riguardo suggerisco di scegliere ami che non abbiano l’occhiello troppo ingombrante perché è la parte che danneggia di più l’esca.

roberto accardi blog surfcasting
Seconda mossa

Dopo aver fatto uscire l’amo dall’altra parte, lo inseriamo nuovamente un po’ più avanti della metà del cefalo, e lo facciamo uscire lungo il pesce stesso in prossimità della testa.

roberto accardi blog surfcasting
Innesco completato

In questo modo l’innesco non danneggia parti vitali del cefalo, e questo rimane in possesso della sua normale mobilità. Inoltre con questo tipo di soluzione l’innesco regge benissimo anche al lancio con piombi pesanti.

A riguardo vi invito a leggere questo articolo sino alla fine.

INNESCO SOTTO PELLE

Con questo innesco dobbiamo innanzitutto dotarci di un ago particolare che abbia da una parte una punta molto pronunciata, e dall’altra un occhiello.

roberto accardi blog surfcasting
Ago con occhiello

In questo caso il bracciolo non lo lego all’amo, ma solo alla girella: poi lo faccio passare dentro l’occhiello dell’ago, e con la sua punta lo faccio passare da circa metà cefalo verso la testa (qualche centimetro prima) in modo che il bracciolo scorra sotto la pelle. Durante il passaggio dell’ago sotto pelle è bene stare attenti che lo stesso non vada a danneggiare l’esca, quindi bisogna prestare grande attenzione a farlo passare costantemente sotto la pelle.

Una volta compiuta questa operazione, possiamo mettere immediatamente l’esca in acqua, e fare con comodo il modo del bracciolo sull’amo. Una volta fatto il nodo, potremo riprendere il cefalo e fargli entrare il gambo dell’amo sotto pelle (ecco il motivo per cui bisogna evitare occhielli troppo grossi).

Questo innesco regge un po’ meno il lancio, ma preserva maggiormente il cefalo, o almeno è quello che ho potuto riscontrare durante le mie esperienze di pesca. In questo particolare caso suggerisco l’utilizzo di amo Aberdeen, in quanto gli ami a gambo corto tendono, durante il lancio, a danneggiare di più la pelle, e a disporsi perpendicolare alla preda, risultando meno catturante.

In alternativa all’amo potete utilizzare anche la cosiddetta “spilla”, che vi illustrerò più avanti in occasione della presentazione degli inneschi con l’anguilla, anche per evitare di ripetere due volte lo stesso discorso.

L’unico accorgimento dell’innesco sotto pelle è che la porzione di sotto pelle che bisogna interessare quando si passa l’ago, deve essere ben più lunga della lunghezza del gambo dell’amo. Diversamente si rischia che durante il lancio l’amo si posizioni in maniera errata.

L’INNESCO DELL’ANGUILLA

Anche per l’anguilla utilizzo prevalentemente due tipi di inneschi, anche se quello che sto per esporvi sono in procinto di abbandonarlo, ma ve lo illustro ugualmente in quanto va bene quando si ha a che fare con spigole di taglia.

INNESCO PER LA CODA

Questo è senza dubbio l’innesco più veloce, e quello che lascia l’esca più vitale. Si tratta di far passare l’amo già collegato al bracciolo e alla montatura a pochi centimetri dalla fine della coda dell’anguilla, e il gioco è fatto!

roberto accardi blog surfcasting

Bisogna solo stare attenti a innescarla nel centro esatto in modo che l’amo prenda la parte dura della coda, se no durante la fase di lancio perdiamo l’esca.

Con questo innesco i vantaggi sono tantissimi per quanto riguarda la mobilità dell’esca, e questo l’ho potuto constatare anche dalle ore e ore di riprese subacquee fatte con la mia waterwolf. L’anguilla non so per quale motivo, ma nuota continuamente verso l’alto, facendo un richiamo pazzesco!

ATTENZIONE PERO’! Ciò che ha parzialmente demolito l’utilizzo di questo tipo di innesco è un’altra ripresa fatta con la cam subacquea in cui due spigole di dimensioni vicine al chilo hanno attaccato l’anguilla innescata dalla testa, e non si sono allamate. Infatti, hanno più volte attaccato l’anguilla nella prima metà, evitando così l’amo. Per contro, in carriera ho fatto tante catture con questo innesco, e si è sempre trattato di spigole di discrete dimensioni, sempre dai due chili e mezzo in su. In questo momento quindi sono in una sorta di via di mezzo in cui non so ancora se abbandonare questo tipo di innesco per poter insidiare qualunque attacco, oppure adottarlo per fare selezione sulla taglia della spigola.

INNESCO SOTTO PELLE

Questo tipo di innesco consente di avere l’anguilla in perfetta vitalità anche per tutta la nottata! Si tratta di passare l’ago speciale (quello dotato di punta affilata da una parte, e di occhiello dall’altra) in modo analogo e con gli stessi accorgimenti visti per il cefalo, in modo da far passare il bracciolo sotto pelle per un tratto di qualche centimetro superiore alla lunghezza del gambo dell’amo, e di legare poi il bracciolo all’amo, e facendolo entrare nel sotto pelle.

roberto accardi blog surfcasting

Una soluzione perfetta che in tanti casi mi ha consentito di liberare l’anguilla  in perfetto stato a fine pescata (anche se poi ha significato zero catture).

INNESCO CON LA SPILLA

roberto accardi blog surfcasting
Le spille in due dimensioni che potete trovare da Crazy for fishing a Guspini

Un’altra soluzione molto efficace ce la danno queste particolari “spille”, per lo più fatte artigianalmente, laddove due ami aberdeen vengono “saldati” tra loro a una specie di spilla tipo quella da balia, in modo che con l’ago della spilla si prenda il sotto pelle necessario per fissarla al bracciolo. Sono parecchi i negozianti che le realizzano. Pur essendo in tanti a realizzarle, ve ne indico uno, in particolare quello che mi ha fornito le foto di questo accessorio: cliccate qui per andare sulla loro pagina Facebook.

roberto accardi blog surfcasting

ALTRI PICCOLI CONSIGLI

Voglio chiudere questo articolo parlandovi di distanze di pesca e di scelta della canna, in modo da evitare che tutte le cure adottate per l’innesco perfetto vengano poi vanificate da una errata esecuzione del lancio, di una errata scelta della canna, di una errata valutazione della fascia di pesca.

FASCIA DI PESCA

Quando andiamo a caccia di spigole, o in generale quando vogliamo insidiare un predatore a prescindere dalle condizioni meteo marine che affrontiamo, dobbiamo tenere bene a mente che la fascia di pesca è sempre sulla corta distanza.

Le prede infatti, non sono mica stupide, e per evitare agguati mortali pascolano laddove possono avere una via di fuga. Il primo o il secondo gradino sono quindi gli hot spot di ogni spiaggia, anche di quelle tendenzialmente basse. E’ quindi inutile fare lanci per mettere un cefalo a 60 metri che, seppur fattibile, immaginate che shock potrebbe subire la nostra esca…

LA SCELTA DELLA CANNA

Scegliere una canna troppo rigida implicherebbe uno stress iniziale all’esca davvero importante, al prezzo elevato di una ridotta vitalità dell’esca. Utilizzare invece una canna con una cima abbastanza sensibile, o con una azione parabolica, consente la riduzione dello shock dovuto al lancio. Questo è strettamente correlato al tipo di lancio…

IL LANCIO

Eseguire un lancio dolce, progressivo, e privo di strappi violenti è fondamentale per far si che la nostra esca subisca un ridotto shock dovuto al lancio. Io solitamente faccio un lancio laterale stando attento che il bracciolo sia disteso e in tensione, in modo che il caricamento della canna avvenga anche con il peso del cefalo, che diversamente subirebbe uno strappo pericoloso.

Detto questo, spero di aver aggiunto qualcosa alla vostra esperienza di pesca, e anzi… se avete qualche soluzione diversa da quelle che ho descritto, e se vi va di condividerle, potete utilizzare il form qui sotto e sarò ben lieto di apprendere anche la vostra esperienza.

Ti è piaciuto l’articolo? Per favore clicca qua e guarda l’indice con tutti gli argomenti trattati sino ad oggi sul blog 😉 Infine, se ne avete il piacere, potete condividere questo articolo sui social, sulla vostra bacheca, o in un qualunque gruppo di pesca utilizzando l’icona che trovate ad inizio e a fine articolo. Grazie per la condivisione!

9 Commenti

  1. Francesco Di Leo

    Sei un grande!E grazie di tutto.

    Rispondi
    1. Roberto Accardi (Autore Post)

      Grazie Francesco 🙂

      Rispondi
  2. Massimo

    Salve… Volevo sapere ke tipo di trave si usa x usare sia cefalo che Anguilla… Long arm… Short.. o altro?

    Rispondi
    1. Roberto Accardi (Autore Post)

      Solitamente utilizzo uno short rovesciato con il mare molto mosso, o il minitrave in condizioni più tranquille. Se ti va di dare uno sguardo a questo articolo penso potrebbe interessarti 😉 clicca qua

      Rispondi
  3. Pasqualino

    Il procedimento cambia se usiamo il cavetto. Nel primo esempio credo di si

    Rispondi
    1. Davide

      Non usi la teleferica o il palloncino?

      Rispondi
      1. Roberto Accardi (Autore Post)

        Ciao Davide, la teleferica non la uso mai perché la maggior parte delle volte le condizioni meteo marine non lo consentono. In generale comunque non uso mai né teleferica né palloncino

        Rispondi
        1. davide

          Ti ringrazio molto

          Rispondi
    2. Roberto Accardi (Autore Post)

      Col cavetto inevitabilmente l’esca si danneggia maggiormente e si utilizza il metodo veloce

      Rispondi

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi