Quanto lancia una canna da spinning?

Mi sono abbastanza rotto…cioè, questa domanda “Mattia, ma quanto può lanciare una canna da spinning?” mi viene fatta spesso e, purtroppo, troppe volte mi viene fatta da gente che magari pesca da diversi anni…

Dunque, con tutta la veemenza che mi è possibile esprimere nel limite dalla decenza editoriale che mi è permesso esercitare su questo spazio accardiano, do’ il benvenuto a voi, anzi, A TE, si proprio tu ERETICO!

Indi per cui: benvenuti a tutti voi ingenui disconoscitori dell’azione di una canna da spinning e bentornati in uno dei miei approfondimenti!

“Oh Mattia! Ho acquistato questa nuova canna ‘X’ sulla quale c’è scritto ’15-45g’, ma a me sembra un paletto! Ci lancio benissimo i Jig da 60g! Però se metto un minnow da 20g non lo sento…

…per me la casa produttrice CI MENTEH! Io ne capisco eh! Per me questa canna è SOTTOSTIMATA… secondo te QUANTO LANCIA?”

Oppure:

“Oh, con la mia 10-30g riesco a gestire i Metal da 40g, sicuramente lancerò anche i 60g!”

Allora precisiamo che già nel mio vecchio articolo sulle canne da spinning avevo parlato abbastanza bene di “azione” e più o meno di che artificiali si possono gestire: recuperatevelo!

Oggi però vorrei andare al di fuori del “canonico” voglio parlarvi di quello che, normalmente, sui blank NON è scritto ma che, in molti casi, è implicito.

Intanto partiamo da un importantissimo presupposto facendoci la GIUSTA domanda

Lanciare o “gestire”?

L’errore che in tantissimi fanno è pensare che se una canna riesce a lanciare un artificialeAmbrogio” (perchè “X” è troppo sterile come nome) allora riuscirà anche a gestirlo.

Ma andiamo per gradi.

In diversi mi chiedono:

“Oh Matty, ma cosa intendi tu quando parli di gestione dell’esca?”

Ecco, se aveste letto la collana di articoli sugli artificiali da spinning già potreste iniziare ad intuire, ma no, oggi voglio parlarvene per bene con giusto qualche tecnicismo.

Giuro, solo gli essenziali!

Canna_Rapture_Acrux
Rapture Acrux

In pratica ogni tipologia di esca, anzi, ogni singolo artificiale ha bisogno di soddisfare determinati equilibri fisici anche in termini di elasticità della canna per muoversi correttamente.

Un blank molto “lento” e quindi più “morbido” può lavorare correttamente minnow anche di piccole dimensioni ma, a parità di massa lanciata, potrebbe avere seri problemi a gestire un Metal-Jig.

Diamo dunque una prima dritta:

Una canna può lanciare molti più artificiali di quanti non ne riesca a gestire

In pratica possiamo lanciare il nostro caro Ambrogio in acqua ma se l’azione non è quella giusta lui farà il cavolo che gli pare!

Esempi semplici per semplificare prima di complicare il tutto

Allora, prendiamo un tizio qualunque…me stesso ad esempio.

Sono un semplice ragazzo di 1.81m per 72Kg di massa corporea ed ipotizziamo che decida di mettermi a fare bodybuilding come se non esistesse un domani.

Arriverò ad un punto in cui la mia massa sarà sempre 72Kg ma il rapporto tra massa grassa e massa muscolare sarà diverso e, a parità di peso corporeo, apparirò certamente più in forma e sarò molto più forte.

Ecco questa prima parte della similitudine può aiutarci a fare un distinguo tra una canna resinosa” ed una ad “alto modulo elastico” ma no, di modulo elastico nel dettaglio parleremo certamente in un altro approfondimento…

Adesso prendiamo 2 strade totalmente opposte.

In palestra non c’è allenatore o comunque io divento improvvisamente taccagno e decido di non voler pagare un personal trainer ed inizio a fare di testa mia.

Alleno solo braccia e petto e, dopo qualche tempo, la mia massa diciamo che sarà sempre 72Kg, il mio indice di massa grassa sarà sempre uguale MA la distribuzione dei muscoli sarà tutta sulla parte superiore.

Sarei una bomba nella panca piana ma una pippa assoluta a fare squat e cose simili…

L’altra strada è l’opposta: alleno praticamente solo le gambe e, arrivando sempre alla solita situazione di massa corporea ed indice di massa grassa, avrò le super gambe con le braccine da E.T.

Ottimo per la leg-press ma incapace di sollevare una confezione d’acqua solo con le braccia…

Cerchiamo di capirci bene…

Dunque, trasponiamo nel mondo dello spinning.

Immaginiamo di avere 2 canne IDENTICHE: stesso materiale (quindi con “modulo elastico” di base uguale), stessa lunghezza, stesso peso, stesso intreccio delle fibre, stesso TUTTO…

Entrambe avranno anche lo stesso identico punto di rottura: in pratica sopportano la stessa QUANTITA’ di stress prima di rompersi

LANCIANO lo stesso identico range di artificiali…

In entrambe troviamo scritto lo STESSO IDENTICO casting-weight con una sola e SOSTANZIALE differenza: in una c’è scritto “Extra-Fast” e nell’altra “Moderate” (o “progressiva” per alcuni produttori).

Canna_Rapture_STX
Rapture STX

Cosa vuol dire questa cosa?

Semplicemente il COMPORTAMENTO della canna alla sollecitazione è differente lungo la sua curva elastica: una saprà usare la “leg-press” l’altra invece sarà una bomba in “panca piana“.

“Ma scusa, non erano identiche? Cosa determina questa differenza?”

Certo, grazie per la domanda: la variante in questo caso sta’ nella CONICITA‘!

Oh, non vi preoccupate, non ne parleremo adesso, anzi, torniamo in carreggiata così da non dilungarci troppo.

Introduciamo brevemente una bella curva!

Come detto prima non voglio mettermi a parlare di modulo elastico, indi per cui cercherò di essere generico ma comunque centrando il punto del discorso.

Lasciamo perdere tutta la parte teorica sulla regione elastica/plastica/ecc. diciamo solo che la canna risponde allo stress (quindi le sollecitazioni esterne) seguendo un certo percorso nel nostro grafico fino al punto di rottura.

Mamma mia in cosa mi sto’ impelagando.

Perdonatemi voi tutti fisici che leggerete, ma devo semplificare il più possibile: mi inginocchierò sui ceci dopo aver scritto quanto segue, lo prometto!

Riferiamoci al grafico (puramente esemplificativo) che vi allego di seguito e cerchiamo di dare qualche accenno.

Grafico_Canne_Mattia_Famoso

Verticalmente inseriamo la forza applicata alla canna ed orizzontalmente la deformazione o “rispostadel blank.

Come già detto prima stiamo ipotizzando che il punto di rottura sia uguale in entrambi i casi.

Anzi, aggiungiamo due dati…

Ecco, così è meglio!

In pratica abbiamo inserito nel grafico i dati di ‘Casting Weight‘ e ‘Punto di Rottura‘.

Da qui capiamo già una cosa: il limite estremo del c.w. NON indica il massimo peso che si può lanciare!

Grafico_Con_Dettagli_Per_Lanciare_Mattia_Famoso

Si può ovviamente notare il modo diverso di comportarsi dei due blank: le curve infatti “crescono” in maniera differente ma si interrompono entrambe alla stessa altezza (il punto di rottura appunto).

Applichiamo una forza “F”

Per capire meglio posso farvi vedere la differenza grafica in termini di “allungamento” (non fraintendete!) a parità di forza applicata.

Grafico_Con_Forza_Applicata_

Spero si riesca a vedere meglio così.

Considerando una generica forza applicata “F” LA STESSA porterà a delle risposte differenti.

Infatti la FAST si allungherà meno rispetto la MODERATE.

Ok, ma cosa centra questo con il nostro Ambrogio?

Di fatto dovete immaginare le nostre esche come degli oggetti che applicano certamente una forza sulla nostra canna, ma che NECESSITANO di una ben determinata risposta per lavorare correttamente.

Possiamo dunque semplificare un eventuale artificiale con un punto all’interno del nostro grafico.

In pratica (spero si capisca) una determinata esca, recuperata in un certo modo, ha un posizionamento ben preciso nel rapporto Forza/Risposta.

Ecco, nel caso specifico, se la nostra bella canna ha una curva di “risposta” (o “di progressione“) che incrocia o si avvicina parecchio alle “necessità” del nostro bel punto giallo allora si potrà affermare FISICAMENTE che:

la canna in questione può GESTIRE quell’esca.

Grafico_Con_Artificiale_Mattia_Famoso

Dunque, come accennato prima, anche quella definita come “moderate” può lanciare quest’artificiale ma durante il recupero la sua curva di progressione sarà incompatibile con il nostro caro Ambrogio

Quindi, PUO’ ASSOLUTAMENTE ESISTERE almeno un artificiale che, seppur maggiore del C.W. della canna, può intersecare la sua curva di progressione e quindi essere gestibile!

Ma a questo punto…

…quanto si deve lanciare?

Avete mai visto uno slow-motion o qualche frame di una canna in piega durante il lancio?

Mattia_Famoso_In_Procinto_Di_Lanciare

Certamente si denota come il blank si pieghi TANTISSIMO rispetto alla curva che si ottierrebbe durante il recupero dell’esca in acqua.

Questo avviene perchè, durante il cosiddetto “caricamento“, l’accelerazione repentina (quasi istantanea) deve fare i conti con la massa inerziale dell’artificiale stesso.

Ciò causa un’aumento della forza applicata da Ambrogio che, inesorabilmente, porta ad una maggiore risposta in termini di piega.

DUNQUE, capirete che, un’esca che supera di un valore “X” il limite superiore del Casting-Weight, durante il caricamento può inesorabilmente superare il “punto di rottura” e…

CRACK…Giù di maledizioni varie…

Oltre questo c’è da dire che, qualora non si arrivasse al punto di rottura vero e proprio, caricare la canna al limite porta anche alla perdita di parecchi metri durante il lancio (ne parleremo bene quando si approfondirà il discorso “azione“).

Ovviamente il fenomeno della “perdita di metri” sarà tanto più accentuato quanto più il blank è “lento“.

Consiglio personale su quanto lanciare ed epilogo di questo parto

Adesso vi dirò quello che IO PERSONALMENTE faccio quando scelgo “cosa lanciare“.

Su canne Fast o Extra-Fast NON eccedo MAI oltre il 15% della parte superiore del C.W. con esche molto dense (ad es. Metal-Jigs) e difficilmente oltre il 30% con esche a bassa densità (ad es. minnows).

Per quanto riguarda canne più Moderate difficilmente supero in generale il C.W. del 5-10% MA mi permetto spesso di lanciare esche molto dense del 10-15% AL DI SOTTO del minimo C.W. dichiarato.

Ovviamente capire cosa nel dettaglio possiamo gestire NON è discutibile in questa sede: ecco perchè IN OGNI articolo dedicato ai singoli artificiali da spinning c’è scritto anche quale combinazione Azione e Range di C.W. è più ideale.

Per il resto vi lascio giusto un po’ in sospeso, così, perchè questo chiasmo mi era di gradimento.

E si, fatelo, dovete iscrivervi urgentemente alla nostra SEXY, NON SPAMMOSA e GRATUITA NewsLetter perchè, 🎶IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIREEEEEH!🎶

STAY TUNED...ingenui disconoscitori dell’azione di una canna da spinning.


SEGUIMI


INSTAGRAM

YOUTUBE

Tik Tok

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.