www.robertoaccardi.com

CASSIOPEA MX2 VS CASSIOPEA XCM

Roberto Accardi cassiopea xcm trabucco
Confronto tra le due pezzi di casa Trabucco modello 2015 contro 2019

Quando ebbi modo di provare il modello MX2 della Cassiopea in due sezioni lo ricordo ancora come se fosse ieri: fu la vera e propria scintilla che mi fece legare all’azienda Trabucco. Qui potete leggere la recensione che feci a riguardo.

La Cassiopea Mx2 in azione

Perché ora mi imbatto in un articolo dal titolo epico come “Cassiopea Mx2 Vs Cassiopea XCM”? Perché le domande che ho ricevuto in questa direzione sono state tantissime, e tuttora mi arrivano costantemente tramite i vari canali di comunicazione disponibili.

Le canne in due sezioni, non è una novità, sono le mie preferite soprattutto quando i giochi si fanno molto duri (diversamente opto per le comode e leggere canne in tre sezioni), e nello specifico la mia conoscenza dei due modelli che saranno oggetto di approfondito confronto è molto alta: infatti la Mx2 la utilizzo ormai da 4 anni, mentre la Cassiopea XCM da oltre un anno grazie al fatto che ho avuto la responsabilità tecnica di testarne il prototipo (se volete leggere la recensione cliccate qua).

Cassiopea 2 pezzi xcm trabucco

Iniziamo il confronto:

CIMA

Entrambi i modelli sono dotati di vetta FH RIP TIP, un sistema che prevede il passaggio graduale da materiali più reattivi ad altri meno reattivi, dando così forma ad una vetta sensibile e pertanto perfetta per l’azione di pesca.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
Vetta FH RIP TIPVetta FH RIP TIPFinitura fluorescente
Catarifrangente
Migliore visibilità in notturna

ANELLI

Anelli Fuji Alconite per entrambi i modelli, ma MN per la MX2 e telaio a K per la XCM.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
Fuji Alconite MNFuji Alconite con telaio a KMigliorati gli anelli per la prevenzione alla formazione di fiocchi di lenza accidentali

PESO

Il nuovo modello è incredibilmente più leggero. Guardate la differenza di peso sia nel complesso che pezzo per pezzo. Voglio precisare che i pesi che ho personalmente rilevato con la mia bilancia step 1 si riferiscono alle canne in mio possesso.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
Vetta 208 gr
Pedone 516 gr
Totale 724 gr
Vetta 188 gr
Pedone 356 gr
Totale 544 gr
180 grammi
più leggera

MODELLI

I modelli sono rimasti nelle stesse lunghezze e potenze.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
160 gr 4,15 mt
200 gr 4,15 mt
230 gr 4,15 mt
160 gr 4,15 mt
200 gr 4,15 mt
230 gr 4,15 mt
nessuna

PORTAMULINELLO

I modelli sono rimasti nelle stesse lunghezze e potenze.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
Fuji DNPSFuji con
Sistema
Back Stop
Consente il bloccaggio
della vite che tiene
il mulinello

SISTEMA TWIST-FREE

Questa è una novità che è arrivata con le canne Trabucco in tre sezioni con vetta ibrida, ora disponibile anche in quelle con vetta ripartita. Assente nella Mx2. Questo sistema ampiamente spiegato a pagina 118 del catalogo Trabucco 2019, elimina le torsioni della canna in fase di caricamento, e tutto ciò si trasforma in maggiori prestazioni.

Posso dirvi con totale sincerità che in fase di lancio la differenza con la Cassiopea Mx2 si percepisce. L’unica cosa che mi manca per essere più preciso è il riscontro metrico effettivo (ovvero su un campo misurato), ma non appena riuscirò a fare il video test non mancherò di pubblicarlo nel mio canale Youtube (a proposito, se vi fa piacere iscrivetevi).

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
AssentePresenteAssenza di torsioni
durante il caricamento
maggiore spinta

SISTEMA X-JOINT

Anche questo sistema è recentissimo, e pertanto assente nella Cassiopea Mx2. Anche in questo caso potete trovare una spiegazione tecnica a pagina 118 del catalogo Trabucco 2019, oppure ve lo spiego io con poche parole: si tratta di una novità tecnica che consente ai noti “punti morti” di una canna (gli innesti) di avere una maggiore flessibilità in modo da “armonizzare” la piega e quindi il caricamento della canna.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
AssentePresenteMaggiore armonia
nella piega durante
il caricamento

DOPPIA LEGATURA

Un accorgimento che si può apprezzare nel tempo: la doppia legatura significa che prima di apporre gli anelli sul fusto, viene fatta una prima legatura su cui poggiarli, in modo che poi con la seconda legatura i piedi dell’anello risultano maggiormente protetti da acqua e salsedine.

Come ho già anticipato, un accorgimento quasi invisibile, ma apprezzabile nel tempo.

CASSIOPEA MX2 SURFCASTINGCASSIOPEA XCM SURF-RDIFFERENZE
AssentePresenteRiduce sensibilmente
le infiltrazioni di
acqua e salsedine
Cassiopea mx2 immagine
cassiopea a confronto

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Che il modello successivo sia sempre migliore del precedente è una regola che viene confermata anche da questo confronto tra due canne oggetto dell’articolo. Sono passati circa quattro anni tra l’uscita dei due modelli, non sono tanti come numero, ma tecnologicamente parlando è tanta roba: potete avere un riscontro guardando le differenze tra i due modelli.

Però voglio aggiungere qualcosa da felicissimo possessore di entrambi i modelli:

  • per chi possiede già la Cassiopea Mx2 viene più facile meglio comprendere quanti vantaggi comporti passare alla XCM, in quanto già conoscitore delle fantastiche prestazioni della Mx2. Basta pensare anche solo al peso… avere quasi due etti in meno significa tante energie in più a disposizione durante una nottata di pesca
  • per chi non possiede né la Mx2 né la XCM, si prospetta una doppia opportunità in funzione dell’impegno finanziario che volete affrontare: acquistare direttamente la Cassiopea XCM, oppure approfittare dell’inevitabile diminuzione del prezzo della Mx2… a voi la scelta 🙂

Se doveste avere qualche altro dubbio su questi gioielli, non esitate a chiedermelo sfruttando lo spazio che sta qui sotto, a fine pagina, e vi risponderò appena possibile.

6 Commenti

  1. Leo

    Articolo interessante, come sempre ma pone un dubbio. Nel precedente articolo riguardo sta canna si è parlato di una lunghezza di 4,05 ed anche la sigla sulla canna riporta tale cifra mentre in questo articolo si parla di una lunghezza di 4,15. Quale delle due misure bisogna prendere in considerazione? 🙂

    Rispondi
    1. Roberto Accardi (Autore Post)

      Ciao Leo, in effetti il prototipo era di 4.05 e così è scritto anche sulla serigrafia, però il catalogo riporta 4.15
      Ora devo solo misurarla, il che potrebbe sembrare una cosa semplice, ma non immediata 🙂
      devo solo ricordarmi di farlo 😀

      Rispondi
  2. Carlo

    Buongiorno Roberto, l’hai provata in campo? Se si mi sai dire quanti metri sono usciti col 150grammi?

    Rispondi
    1. Roberto Accardi (Autore Post)

      Ciao Carlo, il campo è l’unico banco di prova che mi manca, infatti oltre averlo scritto nell’articolo non ho fatto alcun riferimento ai metri. Questa estate sicuramente ci riuscirò ed integrerò l’articolo, oltre che mettere il relativo video sul mio canale youtube

      Rispondi
      1. Carlo

        Buongiorno Roberto, hai fatto la prova in campo?

        Rispondi
        1. Roberto Accardi (Autore Post)

          Ciao Carlo, nn ancora 🙁

          Rispondi

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi